GRAVIDANZA: PRIMO TRIMESTRE QUALI SONO I CONTROLLI INDISPENSABILI

Il primo trimestre è dedicato principalmente allo studio dell’evoluzione della gravidanza e dello screening prenatale. Dopo il test di gravidanza positivo è necessario procedere al prelievo del sangue per verificare i valori delle Beta HCG. Si tratta di una proteina associata alla gravidanza il cui valore, in caso di esito positivo, tende ad aumentare durante le prime 8-10 settimane per poi diminuire e stabilizzarsi per tutto il resto della gestazione. Questa proteine viene prodotta dalle cellule pre – embrionali che daranno poi origine alla placenta, dopo l’impianto nell’utero dell’ovulo fecondato. Da questo si può dedurre quanto sia importante procedere al dosaggio ematico già dopo 3-4 giorni dalla mancanza delle mestruazioni, in quanto l’aumento dei valori confermano con certezza che la donna è in dolce attesa. Il posso successivo è quello di programmare le ecografie durante i nove mesi per valutare il corretto sviluppo dell’embrione. Le ecografie rappresentano sicuramente il momento più emozionante della gravidanza e, grazie alla tecnologia, cominciare ad individuare i tratti distintivi del bambino. Vederlo muoversi all’interno della pancia, o mettersi in dito in bocca, o ancora dormire o scalciare, rappresentano momenti indimenticabili in cui la madre comincia ad entrare in contatto, dal punto di vista emozionale, con il piccolo. La prima ecografia avviene intorno alle 6-7 settimane e permette di valutare se la camera gestazionale è posizionata correttamente all’interno dell’utero. Tra le 8 e le 10 settimane si effettua una seconda ecografia attraverso la quale è possibile accertare il corretto sviluppo dell’embrione e, cosa più importante ed emozionante, ascoltare il suo battito cardiaco. Tra le 11 e le 14 settimane di effettua la traslucenza nucale. Sicuramente questa è una delle ecografie più importanti poiché l’incidenza di malattie cromosomiche e di altre patologie è legata proprio allo spessore della traslucenza nucale. Naturalmente durante questo periodo non mancheranno ulteriori esami ematici ed il controllo della pressione arteriosa.